ortm_logo_2a.jpg homepage ortm 6b.jpg
:: RASS. STAMPA

Menu
 »  Home
 »  Piloti
 »  Campionati
 »  Calendari
 »  Classifiche
 »  Barche
 »  Motori e ....
 »  Gallery Super Boat Sport
 »  Gallery Powerboat
 »  Gallery Offshore
 »  News
 »  Rass. Stampa
 »  Link
 »  Contatti
 »  Mappa
 
 
« vai alla lista

21/10/2007
Nautica on-line
Comunicato del 21 ottobre 2007

ASSEGNATI OGGI AD ANZIO I TITOLI MONDIALI ENDURANCE GRUPPPO B E I TITOLI ITALIANI ENDURANCE P1

Guido Cappellini trionfa in Cina nella 4^ prova del Campionato del Mondo di Formula 1 motonautica.


Milano, 21/10/2007 - Oggi ad Anzio (Roma) il Mondiale Endurance, in prova unica, ha eletto i suoi campioni nelle 6 classi in gara: B2, B3, S1, S2, S3 e Unica.
La medaglia d'oro nella categoria B2, la più affolltata e combattuta, è andata alla coppia siciliana del Sea Club, composta da Domenico Giardina e Guglielmo Russo. La formula del Mondiale prevedeva tre gare distinte. Giardina e Russo si sono aggiudicati una gara e due 3° posti, salendo così sul gradino più alto del podio e conquistando il loro primo titolo iridato in questa classe.
Nella categoria B3, hanno vinto il titolo iridato i siciliani della Polisportiva Racing Team, Ferdinando Talamo e Luigi Aruta, che già due anni fa vinsero il Mondiale Endurance nella classe Boat Production.
E' invece un equipaggio spagnolo quello che ha conquistato il titolo iridato della classe S1, imponendosi sul forlinese Carlo Bentivogli e sulla coppia milanese formata da Achille e Mara Mazzucotelli. Gli spagnoli Jose Antonio Perez Rivero e Lorenzo Perez Suarez hanno vinto la 1^ gara, mentre nelle restanti si sono dovuti accontare del 2° posto, lasciando a Bentivogli la vittoria di entrambe le gare. Il punteggio ottenuto è stato loro comunque sufficiente a conquistare il gradino più alto del podio e a rientrare in Spagna con una medaglia d'oro.
Gara combattuta anche quella della classe S2, che ha visto protagonisti i fratelli brindisini del Circolo Nautico Porta d'Oriente, Giuseppe e Massimo Danese.
I danese hanno vinto la prima gara, mentre nelle altre due hanno concluso in 2^ posizione alle spalle dei piloti del Club Nautico Number Oner, Antonio dell'Anna e Michele Verardi (squalificati in gara1 per salto di boa). Con questo successo, Giuseppe e Massimo Danese festeggiano il primo oro iridato in carriera.
Nessun problema invece nella classe S3, dove Francesco Mormile e Cosimo Cannone (C.N. Bellaria Igea Marina), con tre vittorie su tre gare disputate, hanno dominato il Mondiale conquistando il primo titolo iridato in carriera.
Infine, ad imporsi nella classe Unica con due vittorie ed un 2° posto, è il catanese del Water Cross Racin, Dario Garofalo. Una grande soddisfazione per la 1° madaglia d'oro conquistata in carriera da questo pilota siciliano, che gareggia dal 1995.

Nella cittadina laziale si è disputata anche l'ultima tappa del Campionato Italiano Endurance P1, che dunque ha assegnato i titoli tricolore della stagione agononistica 2007.
Nella classe Evolution, i napoletani del Trident Corse, Maurizio Di Stasio, Luciano Capuano e Marco Pennesi hanno dominato vincendo entrambe le gare.
Un risultato, questo, che li fa diventare i nuovi campioni italiani 2007 di categoria, davanti ai romani del Club Italia Offshore Race, Adriano Panatta, Claudio Castellani e Roberto Biancalana (per loro un 2° ed un 3° posto di giornata) e ai napoletani del Gold Finger Racing Team, Renato Guidi e Vittorio Foglia Manzillo (oggi 2° e 3° sul podio).
Campioni italiani della classe Supersport sono diventati invece i veneti dell'Associazione Motonautica Venezia, Angelo Tedeschi, Giampaolo Montavoci e Fabio Magnani, che oggi ad Anzio hanno concluso con una vittoria ed un 2° posto.
Secondo, nella classifica finale di Campionato Italiano P1 classe Supersport, si è classificato l'equipaggio del Woodstock Yachting Club, composto da Antonio Gualdambrini, Emanuele Mangione e Simone Ranucci (oggi due 3° posti sul podio), davanti ai piloti di Malta, 3° assoluti, Aaron e Audrienne Ciantar (un 1° ed un 2° posto di giornata).


Classifiche Finali 2007 Campionato Italiano Endurance P1:
classe Evolution: 1. Di Stasio-Capuano-Pennesi, p.360; 2. Panatta-Castellani-Biancalana, p.240; 3. Guidi-Foglia Manzillo, p.220
classe Supersport: 1. Tedeschi-Montavoci-Magnani, p.380; 2. Gauldambrini-Mangione-Ranucci, p.200; 3. Ciantar A.-Ciantar A. p. 180




MOTONAUTICA CIRCUITO FORMULA 1:
Un successo netto, una superiorità tecnica schiacciante dimostrata in tutto il weekend di corsa, pole position, fast lap e vittoria. Su queste basi il comasco Guido Cappellini ha costruito il suo primo centro della stagione (il 55° della Carriera) regalando tante emozioni al numeroso pubblico accorso sulle sponde del lago artificiale di Shenzhen nella Cina orientale alle porte di Hong Kong. Cappellini, scattato dalla pole, è rimasto in testa dall'inizio alla fine della gara e nelle tre ripartenze ha sempre accumulato un vantaggio superiore ai 15". Queste le impressioni a caldo del pilota italiano: "Innanzi tutto dedico questa vittoria all'amico-rivale Scott Gillman, che vorrei vincesse una sfida molto più importante di quelle che per tanti anni abbiamo disputato in acqua. Quella odierna è una vittoria che ha un doppio valore: da una parte la grande motivazione in vista del prosieguo del campionato, dall'altra rappresenta la consapevolezza che, con il nuovo catamarano, abbiamo fatto un grande salto in avanti in termini di sviluppo tecnico. Il DAC CM07 è una barca che ci può regalare davvero tante soddisfazioni. Oggi abbiamo addirittura corso con un motore Mercury Clienti, visto che stiamo ancora deliberando i nuovi motori, dopo aver individuato le anomalie tecniche che hanno un pò compromesso l'inizio del campionato. Il risultato finale la dice lunga sulla bontà dello scafo. Non è stata comunque una gara semplice perché, vista la brevità del circuito, i doppiaggi si susseguivano in modo repentino; col ritmo che stavo tenendo se non ci fossero state le ripartenze avrei potuto doppiare anche Thani Al Qamzi secondo".
Grazie a questa vittoria Cappellini agguanta la seconda posizione in campionato dietro al finlandese Sami Selio. Soddisfazione anche per l'ottimo quarto posto di Ivan Brigada, giovane seconda guida del Tamoil Team, che ancora una volta ha espresso il suo potenziale.
La classifica generale del Mondiale vede ora al comando Sami Selio con 53 punti, seguito da Guido Cappellini a punti 50; 3° a pari punti (35) l'americano Scott Gillman e l'arabo Thani Al-Qamzi.
Prossimo appuntamento a Doha in Qatar il prossimo 24 novembre.

 
top 

 
Sponsor
Partners
ORTM Offshore Racing Team S.r.l. Via Tiburtina 1093 - 00156 Roma - CCIAA REA: RM 634933 - P.I.: 01908611005 C.F.: 07923320589